CANEDERLI E CANNELLONI: GOURMET IN ALTO ADIGE - Blog Preidlhof
18.04.2018
13:31
Monika

CANEDERLI E CANNELLONI: GOURMET IN ALTO ADIGE

Licenza immagine © kab-vision - stock.adobe.com

L'Alto Adige merita sempre una visita. Soprattutto per i buongustai! In questa regione dai paesaggi variegati, il nord incontra il sud. La combinazione di alpino e mediterraneo si manifesta nella cultura, ma anche nella natura: mentre i cipressi e le palme popolano l'ampia valle meridionale, le rigogliose foreste di latifoglie e abeti ricoprono le altitudini più elevate.

Questo paesaggio unico dà vita a una cucina insolita: le specialità mediterranee e i piatti austro-ungarici, in Alto Adige, creano un'entusiasmante combinazione. Questi piatti sono accompagnati da un'eccellente cantina di vini. In particolar modo, i vini bianchi dell'Alto Adige vincono anche premi internazionali. Ecco ottimi motivi per trascorrere un fine settimana gourmet in Alto Adige e per esplorare la regione più settentrionale d'Italia con un itinerario culinario. Abbiamo raccolto i migliori consigli per i buongustai.

Un weekend gourmet negli hotel DolceVita in Alto Adige

I DolceVita Hotel dell'Alto Adige, situati a Naturno, Laces e Foiana vicino Merano, rappresentano punti di partenza ideali per un itinerario culinario attraverso la regione. Tutti e cinque gli alberghi, il DolceVita Jagdhof, il DolceVita ALPIANA RESORT, il Luxury Resort DolceVita Preidlhof, il Family Hotel Feldhof e l’Hotel benessere Lindenhof, possono vantare una cucina di alto livello.

Il fiore all'occhiello per i buongustai è il programma "DinnerAround" proposto dai cinque hotel. Questo permette, durante la vacanza gourmet, di cenare ogni giorno in un diverso hotel DolceVita. Ogni ospite di un hotel DolceVita può accedere liberamente a tutti gli altri quattro ristoranti della catena. Per partecipare all'iniziativa "DinnerAround", è sufficiente comunicare alla reception, già dalla mattina, in quale hotel partner si desidera cenare.

Un consiglio per i buongustai in vacanza: il ristorante del Luxury DolceVita Resort Preidlhof di Naturno è stato citato più volte nella Gault Millau. I critici parlano di un'"esperienza culinaria eccezionale" ed elogiano la dedizione dello staff che lavora nella cucina dell'hotel.

Luoghi da non perdere: i migliori rifugi gourmet in montagna

Da un po' di tempo, per sperimentare una cucina eccellente, non bisogna recarsi necessariamente in un hotel gourmet dell'Alto Adige; alcuni rifugi hanno fatto della cucina un punto di forza e sono diventati meta prediletta dai buongustai. Gli escursionisti che vanno in montagna amano le specialità altoatesine, tra le quali grandi classici come le mezze lune altoatesine e la zuppa al formaggio "Graukas". Ecco alcuni consigli per un itinerario culinario in montagna. 

  • Marzoner Alm, Kastelbell-Tschars

La malga Marzoner Alm, situata a 1600 metri, è un punto d'incontro per buongustai ed escursionisti. Gli gnocchi cambiano in base alla stagione, l'insalata viene raccolta direttamente nel giardino e vengono proposte rare specialità come la carne di pecora dagli agnelli della zona. Partendo dal parcheggio "Alte Säge" di Freiberg, il rifugio può essere raggiunto con un'escursione di mezz'ora poco impegnativa.

  • Gompm Alm, Scena

La malga Gompm Alm di Scena, sotto la montagna Hirzer, è una destinazione degna di nota per un weekend gourmet. Qui si svolgono durante tutto l'anno eventi culinari, come ad esempio il "the unplugged taste" nel mese di agosto. In occasione dell'evento, cinque grandi chef altoatesini mostrano cosa possono fare con una stufa a legna all'aperto! La malga può essere facilmente raggiunta tramite la funivia Hirzer di Saltusio e una successiva escursione di mezz'ora.

  • Dursterhof, Parcines

Il Dursterhof, noto anche come "Himbeerhof", si trova a "soli" 1000 metri sopra Parcines. Merita senza dubbio una visita per la sua atmosfera unica, per la vista mozzafiato e per la cucina semplice ma molto buona. Questa località è raggiungibile da Parcines a piedi o con la funivia Texelbahn.

Esperienze in cantina e degustazioni

L'Alto Adige e il vino: questa è una vera storia d'amore. Bisogna dire che i vini altoatesini non hanno nulla da invidiare a quelli del caldo sud. Soprattutto i vini bianchi conquistano spesso l'entusiasmo dei critici. Ci sono eccellenti vitigni in tutta la regione, ma la zona più importante è la valle dell'Adige tra Bolzano e Merano. La qualità del vino altoatesino si riflette nelle cantine, che negli ultimi anni sono cresciute anche dal punto di vista architettonico. Alcuni consigli per una tappa in cantina durante il weekend gourmet.

  • Cantina Burggräfler a Marlengo

La nuova sede della cantina Burggräfler si trova a Marlengo. La moderna ed elegante struttura in vetro con cantina sotterranea colpisce non solo per gli ottimi vini, ma anche per la splendida vista sulla Valle dell'Adige. Da marzo a ottobre ci sono degustazioni giornalieri. Prenotazione telefonica (+39 0473 447137) o tramite mail a info@kellereimeran.it.

  • Kränzelhof a Cermes

Il Kränzelhof di Cermes è un'altra meta popolare tra gli esperti di vino. I visitatori possono esplorare una superficie di 20.000 m² con un paesaggio variegato che comprende un giardino, un vigneto e un'enoteca. Vengono proposte degustazioni guidate di vino, accompagnate da una visita in fattoria. Ogni tanto il conte Franz von Pfeil, proprietario e viticoltore, accompagna personalmente gli ospiti nella sua cantina.

back

Cerca

Archive

Ci trovi anche su