Condizioni ideali per la coltivazione delle mele in Alto Adige - Blog Preidlhof
07.10.2016
10:05
Susanne

Condizioni ideali per la coltivazione delle mele in Alto Adige

C’è una zona, in Alto Adige, che è considerata perfetta per la coltivazione delle mele. Questa zona si estende da Salorno, nel sud, lungo la Valle dell'Adige, attraversa il Burgraviato fino a raggiungere la Alta Val Venosta e comprende anche la Valle Isarco e alcune zone del Bressanone. Viene considerata la più vasta area europea chiusa destinata alla frutticoltura.

Mele dell’Alto Adige: qui cresce  solo il meglio

Quest’area comprende ben 18.000 ettari di terreno ad appannaggio di poche migliaia di famiglie. Le aziende familiari sono circa 7.000 e ognuna di loro ha appezzamenti di dimensioni comprese tra i 2,5 e i 3 ettari appena, distanti gli uni dagli altri. Questa condizione è fondamentale per permettere alle mele di raggiungere la massima qualità richiesta sul mercato mondiale.

La presenza delle Alpi a Nord che bloccano i venti settentrionali e parte delle piogge ha contribuito a creare un microclima mediterraneo con primavere piovose e da un'estate e un autunno assolati. Le oltre duemila ore di sole l’anno garantiscono la condizione ideale per la maturazione delle mele. Le precipitazioni annue non sono abbondanti, circa 800 mm l’anno, ma sufficienti a coprire il fabbisogno idrico di questi frutti. Tuttavia, in estate è necessario integrare l’apporto idrico con l’irrigazione. Infine, durante il periodo del raccolto, le notti sono fresche e le giornate temperate.

L’insieme di queste condizioni, unite alla sapiente tradizione ortofrutticola di questa zona, rendono questi terreni ideali per la coltivazione di mele di qualità.

back

Cerca

Archive

Ci trovi anche su