Il sole: pure energia vitale - Blog Preidlhof
09.06.2016
08:21
Susanne

Il sole: pure energia vitale

Il sole è pura energia vitale. Fa bene all’anima, è fondamentale per la produzione di vitamina D, è fonte di vita. Per il bene della nostra pelle, dovremmo sempre esporci e proteggerci correttamente.


Esistono due tipi di abbronzatura derivanti dall'esposizione:

di breve durata: superficiale, da radiazioni UVA, vi è redistribuzione della melanina.
ritardata: da UVB, aumenta la melanina. L’abbronzatura raggiunge l’apice dopo cinque - sette giorni.

Il tempo di autoprotezione è il periodo durante il quale è possibile l'esposizione senza arrossamenti. Per determinare il fototipo, bisogna considerare la pigmentazione della pelle senza abbronzatura e l’indice UV (variabile in base a meteo, orario, altitudine, presenza di acqua, latitudine).
Le creme solari aumentano la durata della protezione, mediante pigmenti che riflettono la luce, filtri chimici che assorbono le radiazioni e altre sostanze attive, vitamina A, E o beta-carotene, che neutralizza i radicali liberi e idrata la pelle. 

La protezione solare è calcolata in base al tempo di autoprotezione del fototipo, moltiplicato per il fattore di protezione della crema usata, che determina il periodo di esposizione senza rischi.

  • FOTOTIPO 1: Rischio scottature massimo. Si arrossa, si abbronza difficilmente. Capelli biondo-rossi, occhi e pelle chiari, lentiggini. Autoprotezione 3 – 10 minuti.
  • FOTOTIPO 2: Rischio scottature elevato. Si arrossa e si abbronza pochissimo. Capelli biondi, occhi e pelle chiari, lentiggini estive. Autoprotezione 10 – 20 minuti.
  • FOTOTIPO 3: Rischio scottature moderato. Difficilmente diventa rosso, si abbronza. Capelli biondo scuro, carnagione bruna, occhi chiari o scuri. Autoprotezione 20 - 30 minuti.
  • FOTOTIPO 4: Si abbronza velocemente senza scottarsi. Capelli marrone scuro o neri, pelle e occhi scuri. Autoprotezione: circa 45 minuti.

Una buona protezione dovrebbe contenere filtri per raggi UVA e UVB. A mezzogiorno è consigliabile rimanere all’ombra. La pelle dei bambini va sempre protetta; le scottature nell’infanzia aumentano il rischio di cancro da adulti. Da non dimenticare che le radiazioni sono più intense quando i raggi si riflettono sull’acqua, sulla neve e in montagna. Si possono praticare sport acquatici senza ustionarsi, utilizzando protezioni solari resistenti all’acqua.
Il tempo di autoprotezione non viene prolungato applicando spesso le creme solari! La protezione, tuttavia, va rinnovata dopo ogni bagno e quando si suda molto.


Il team dell'Wellnesshotel Preidlhof vi augura un’estate felice e protetta!

back

Cerca

Archive

Ci trovi anche su