Home - Blog Preidlhof Home - Blog Preidlhof

Currently the posts are filtered by: febbraio 1
Reset this filter to see all posts.

24.02.2016
08:44
Susanne

La Bike Highline Merano

La Bike Highline Merano è un percorso immerso nella natura, che si snoda lungo le malghe alle pendici del monte Tramontana, sopra Naturno. I ciclisti potranno, così, esplorare i versanti orientale e occidentale della montagna, attraverso piste che vanno dai 1.450 ai 1.900 metri d’altitudine.

Vacanze sportivi in Alto Adige

Il punto di partenza è comodamente raggiungibile con la funivia Aschbach, che collega Rablà al Monte San Vigilio. Una valida alternativa consiste nell’utilizzo di apposite navette, messe a disposizione dall’Associazione Turistica Naturno. Per chi non temesse, invece, di iniziare a pedalare già dal fondovalle, i percorsi sono sei: Tel, Plaus, Naturno, Cirlano, Ciardes e Castelbello. Lungo la Bike Highline Merano, principianti o esperti ciclisti potranno godere di un panorama mozzafiato. E, quando le energie cominceranno a diminuire, non avranno che l’imbarazzo della scelta, per un drink o un assaggio di prelibatezze locali, tra i masi e i rifugi che costellano la strada.

Vacanze in bici a Naturno

Gli appassionati delle due ruote, potranno sbizzarrirsi lungo i percorsi che dalla Malga di Naturno giunge al Tablander Alm o al Marzoner Alm, rientrando attraverso quattro nuovi sentieri, denominati Lupo, Fontana, Ötzi e Stuanbruch, che riportano ai villaggi di Castelbello, Naturno e Tel. Il vero punto di partenza, si trova a Rio Lagundo, a 800 metri d’altezza sul livello del mare. Da qui si diramano vari percorsi, per un totale di 25 km.

La Bike Highline Merano è, dunque, adatta tanto agli atleti provetti, quanto a chi è semplicemente appassionato di escursioni in bicicletta all’aria aperta, grazie appunto alla possibilità di alternare a percorsi in bici, trasporti in funivia e sulle navette messe a disposizione dall’Associazione Turistica Naturno. In entrambi i casi, comunque, si è certi che si verrà ricompensati dalle bellezze agresti della natura circostante.

Permalink
Views: 1910
19.02.2016
08:46
Susanne

Vacanze in E-Bike in Alto Adige

Se siete degli appassionati di ciclismo e avete voglia di viaggiare allora un viaggio in e-bike è ciò che fa per voi!

Vacanze per ciclisti a Naturno

Il luogo ideale per fare una pedalata in e-bike è senza dubbio Naturno vicino a Merano in Trentino Alto Adige. In questa zona potrete fare delle bellissime escursioni nella natura e godere del panorama. Grazie all'e-bike potrete fare le gite senza affaticarvi troppo, infatti in tale bicicletta è presente un motore elettrico che una volta attivato rende meno difficoltosa la pedalata. Sulle lunghe distanze tale motore è certamente di grande utilità perché consente di dimezzare la fatica e quindi di arrivare alla meta riuscendo a godere più serenamente della natura circostante.

Per fare un viaggio in e-bike nella zona di Naturno non serve essere degli esperti escursionisti, in quanto sono presenti numerose piste ciclabili facilmente percorribili. Percorrendo tali piste riuscirete anche ad osservare degli elementi di interesse storico situati lungo il tragitto rendendo il vostro viaggio in e-bike ancora più stimolante. Nello specifico se sceglierete di pedalare lungo la pista ciclabile della Val Venosta potrete ammirare il Castel Juval, il Catel Coira, l'Abazia di Santa Maria e il centro storico di Merano. Viaggiando su questa pista ciclabile avrete l'opportunità di unire divertimento e piacere, potrete infatti divertirvi pedalando senza fare troppa fatica grazie al motore presente nell'e-bike e allo stesso tempo potrete godere del bellissimo panorama e dei luoghi di interesse culturale e storico.

Se non siete in possesso di una e-bike ma volete comunque percorrere un tragitto con tale mezzo non disperate, è infatti possibile noleggiare direttemente presso l’hotel Preidlhof un'e-bike di ultima generazione o in alternativa una mountain bike o anche delle biciclette più professionali.

Permalink
Views: 1908
10.02.2016
16:41
Susanne

Da cosa nasce la festa di San Valentino?

L’origine più antica risale a quando fu reso cristiano il rito pagano della fertilità. Verso febbraio iniziavano le celebrazioni dei Lupercali, per tenere lontani i lupi dai campi, in cui si compivano sacrifici propiziatori nella grotta in cui la lupa avrebbe allattato Romolo e Remo e si spargeva sangue animale nella città. In un’urna poi si ponevano i nomi di donne e uomini e un bambino estraeva le coppie che avrebbero, per un anno, vissuto in intimità. I padri della Chiesa vollero porre fine a questi riti sconvenienti e trovarono un santo, San Valentino, che avrebbe sostituito Lupercus. Papa Gelasio annullò la festa e decretò il culto del santo.

San Valentino, nato nell'attuale Terni e morto il 14 febbraio, fu un vescovo che si dedicò ai cristiani perseguitati. Divenne patrono degli innamorati poiché celebrò per primo l’unione religiosa fra un pagano e una cristiana.

Si narra che San Valentino un giorno sentì due fidanzati litigare: regalò loro una rosa, chiedendo di riappacificarsi stringendola insieme e pregando perché il loro amore restasse sempre vivo. La giovane coppia, poco tempo dopo, chiese a San Valentino di celebrare il matrimonio. Da allora molti andarono in pellegrinaggio il 14 di tutti i mesi e successivamente solo a febbraio, mese in cui il santo morì.

Una storia controversa narra che la festa fu introdotta dal circolo di Geoffrey Chaucer, che in un poema associò alla data il fidanzamento tra Riccardo II e Anna di Boemia. In Francia e Inghilterra, nel Medioevo, si pensava che a metà febbraio gli uccelli iniziassero l’accoppiamento: di qui la festa degli innamorati.

Come si festeggia San Valentino nel mondo?

In Germania gli innamorati si scrivono bigliettini e si scambiano regali o fiori. In Olanda e Inghilterra si spediscono bigliettini anonimi. In Giappone le ragazze regalano cioccolatini ai ragazzi, anche non loro fidanzati, solo amici o colleghi, che ricambiano con cioccolato bianco esattamente un mese dopo. In Spagna si regalano rose rosse. Negli USA San Valentino si festeggia alla grande: perfino i bambini si scambiano biglietti, magari con gli eroi dei cartoni.

Voglia di festeggiare San Valentino in un posto incantevole e romantico? Prenotare ora la Vostra vacanza romantica presso il Preidlhof!

Permalink
Views: 1805
03.02.2016
13:59
Susanne

La corsa dei cavalli avelignesi a Merano a Pasqua 2016

Come ogni consuetudine che si rispetti anche quest'anno ritorna la tradizionale battaglia tra i giovani cavalieri che si sfideranno all’Ippodromo Maia di Merano in sella ai loro splendidi destrieri!

A Merano ritorna il fascino delle corse rusticane

La corsa dei cavalli avelignesi é un evento che ogni anno attira migliaia di appassionati di cavalli e di curiosi da ogni parte d’Italia, che giungono nella cittadina per ammirare questa straordinaria manifestazione ed i fantastici cavalli che ne sono protagonisti. La tradizione vuole che il tutto si svolga il lunedì di Pasqua che quest’anno capiterà il 28 marzo 2016. Le gare si svolgeranno nel pomeriggio subito dopo la consueta sfilata del corteo folcloristico che colorerà le strade del centro di Merano; a farla da padrone saranno i cavalli avelignesi, i costumi tradizionali ed i suoni della banda che accompagnerà il corteo. Ovviamente la manifestazione vedrà come attrazione anche la gustosa cucina sudtirolese, conosciuta e apprezzata in ogni angolo d'Italia e del mondo, che appassionerà gli spettatori durante tutto il corso della manifestazione. Insomma sarà una giornata all'insegna della tradizione e che sarà una vera rivelazione per tutti gli amanti di battaglie, tradizioni, cultura e del buon cibo, in una cornice mozzafiato come quella di Merano e del suo fantastico ippodromo. Un evento da ammirare e da gustare in ogni suo minimo particolare.

Per Ulteriori informazioni è possibile contattare direttamente l'ippodromo:

Ippodromo di Merano - Via Scuderie, 37 - 39012 Merano  -Tel.: +39 0473 446 222

Permalink
Views: 1945

Cerca

Archive

Ci trovi anche su