Home - Blog Preidlhof Home - Blog Preidlhof

Currently the posts are filtered by: maggio 1
Reset this filter to see all posts.

23.05.2014
09:44
Peter

La nuova Trike nel Preidlhof

È come una moto con una ruota di troppo o una macchina con una di meno. Dicendolo in parole povere un Trike è un veicolo motorizzato “decapottabile” con una ruota anteriore e due ruote posteriori,

La prima macchina sul mondo era una Trike...

Nel 1886 Karl Benz costruì il primo veicolo motorizzato. Come prima “macchina” in strada faceva solo i 16 chilometri orari. Ma nel sviluppo tecnico era un enorme passo in avanti. Effettivamente questo veicolo a motore a scoppio, possedeva già tutte le caratteristiche principali di un Trike: 3 Ruote, il motore posteriore che azionava le due ruote posteriori e lo sterzo sulla ruota anteriore. Di certo si potrebbe dire che questo veicolo potrebbe esser l’antenato del Trike.

Però il Trike che conosciamo oggi nasce soltanto negli anni 60 o 70 negli Stati Uniti d’America. 1979 Ditrich Fecht portò il primo Trike in Europe in Germania. Originariamente la parte posteriore, con motore e asse, fu presa dal Maggiolino della VW. Ma con il tempo si cambiò anche questo. Il motore vecchio del Maggiolino dovette farsi da parte per motori e tecnologie più avanzate, che oggi sono anche molto più potenti ma anche molto più ecologici. Tuttavia il Trike non è un veicolo da corsa. Più che altro è una specie di custom per fare un po’ di cruising e godersi il paesaggi e la libertà che ci ventaglia nel viso facendo chilometro dopo chilometro.

L’andare con il Trike ha tanti vantaggi:

  • C’è posto per 3 presone
  • Lo schienale allungato è comodo anche per dei viaggi più lunghi
  • La stabilità di guida è molto più elevata che dalla moto.
  • Una sensazione di guida unica, e una vera gioia per gli occhi.

Oltra alle nostre DolceVita Vespe & Quad, la Porsche Boxster Cabrio e una Fiat 500 è anche possibile noleggiare da adesso in poi il nuovo Preidlhof-Trike.

Auguriamo tanto divertimento alla guida delle vetture a vostra disposizione.

Permalink
Tags: divertimento
Views: 2738
13.05.2014
12:21
Peter

Tempo di asparagi in Alto Adige

In primavera, quando i primi raggi di sole ci riscaldano, possiamo mettere da parte i capi caldi e invernale, con un sorriso in viso, Gli sostituiamo con vestiti un po’ più leggeri. Ma anche in cucina le ricette diventano un po’ più leggere. Si mangia la pasta con un sughetto semplice, insalate con le prime erbette dal proprio giardino, e poi non può mancare l’asparago, che è molto tipico per queste parti, la regione Altoatesina.

 

 

L’asparago di Terlano "Margerete" e "l’asparago di Castelbello"

Il "Margerete", l’asparago più noto dell’Alto Adige, cresce sul territorio del comune di Terlano nella Vall D’Adige tra Merano e Bolzano. L’area di questo asparago bianco si estende per ca’. 10 ettari. La particolarità, perché cresce così bene, sono le condizioni geografiche particolarmente buone. Il terreno sabbioso arricchito con “humus”, e la poca pioggia che viene giù, favoriscono la crescita degli asparagi. “Margerete” non è solo il nome dell’asparago, ma è diventato anche un marchio protetto, che garantisce la qualità del prodotto. L’asparago ben sagomato ha una lunghezza dai 17 ai 22 cm e un diametro di 16 a 26 mm, ed il suo sapore è molto delicato.

Però l’Alto Adige non ha solo questo asparago delicato e perfetto. Nel piccolo paesino Castelbello in Val Venosta esiste “L’asparago di Castelbello”. Qui il terreno di coltivazione comprende solo 3 ettari in un’altitudine di 650 m sopra il livello del mare. E per questo qui gli asparagi maturano un po’ più tardi che più a sud. L’asparago è molto più consistente e intensivo nel sapore, che il suo fratello maggiore a Terlano.

 

Un piacere sano…

…gustarsi gli asparagi freschi. Poiché sono a basso contenuto calorico. Raggiungono a malapena le 20 Calorie a 100 grammi. Però contiene molte componenti importanti per un corpo sano. Oltre al magnesio, potassio, ferro, calcio e fosforo ha anche tantissime vitamine. Ma la componente più importane è l’acido aspartico, che contribuisce alla purificazione del corpo.

Il effetto sano per il corpo ed il suo buon gusto, non sono gli unici due fattori positivi. Alla Coltivazione degli asparagi è legata und grande manodopera. La raccolta, deve essere fatta molto velocemente, e minimo 2 volte al giorno. Gli asparagi vengono tolti dalla terra, e poi vengono subito portati dall’acquirente. Si può dire che gli Asparagi vanno direttamente dal produttore sul piatto nel ristorante o a casa.

Auguriamo a tutti un buon appetito!

Permalink
Views: 3517

Cerca

Archive

Ci trovi anche su